Come Funzionano le Autocertificazioni

Nel 1997 la Legge Bassanini (Legge n.127 n.127 del 15/05/1997) ha introdotto in Italia il procedimento dell’autocertificazione d’ufficio. Si tratta di una vera e propria innovazione burocratica che riduce al minimo le spese di certificazione per tutti. Ogni cittadino può certificare sotto la propria responsabilità i fatti riguardanti la propria vita, il titolo di studio conseguito, le generalità anagrafiche ecc. sottoscrivendo che tale dichiarazione corrisponde al vero. La firma posta in calce alla dichiarazione non è soggetta ad autenticazione da parte di un pubblico ufficiale o di un notaio. Questa prassi ha notevolmente ridotto i costi burocratici per presentare una domanda in un ente pubblico, per partecipare ad un concorso, per iscrivere un figlio alla scuola dell’obbligo.

L’autocertificazione si sostituisce a molte certificazioni d’ufficio (stato di famiglia, luogo di nascita, stato civile, data di nascita, titolo di studio, posizione professionale, numero di partita Iva, rappresentanza legale di una società, stato di studente, posizione militare, posizione nel casellario giudiziale). Per un esempio è possibile vedere questo modello di autocertificazione residenza.

Vantaggi dell’autocertificazione
L’autocertificazione è una innovazione amministrativa che reca vantaggi per i cittadini e per gli uffici pubblici:
minore costo della certificazione per il cittadino
minore mole di lavoro per gli uffici pubblici di certificazione
minore burocrazia
L’autocertificazione non presenta svantaggi o costi da sostenere. Può essere rilasciata in carta semplice sempre che sottoscritta e firmata dal cittadino. Come vedremo nel prossimo paragrafo, l’eventuale falsa dichiarazione può causare anche conseguenze penali.

Conseguenze della falsa dichiarazione
Chi compila l’autocertificazione si assume ogni responsabilità penale se quanto dichiarato non risponde al vero. In caso di falsa dichiarazione la certificazione è nulla ed il dichiarante risponde delle conseguenze dinnanzi alla Legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *